EsteroIn EvidenzaNews

Assicurazioni informatiche: outlook stabile da AM Best

Logo AM Best

AM Best ha assegnato un outlook stabile al settore globale delle assicurazioni informatiche, a causa dell’aumento della domanda e delle promettenti prospettive di crescita nel breve termine. Il positivo giudizio sulle prospettive del ramo è stato espresso nonostante il trend in atto di riduzione delle tariffe. Questa ”è dovuta a vari fattori, tra cui una maggiore concorrenza dal lato dell’offerta – ha commentato Christopher Graham, analista senior del settore, AM Best – Inoltre, il miglioramento delle pratiche di sicurezza informatica e la diminuzione della frequenza dei sinistri hanno portato anche a riduzioni delle tariffe dopo un periodo di aumenti accelerati guidati da un’ondata di attacchi ransomware nel 2020 e nel 2021”.

In particolare un report di AM Best che analizza nel dettaglio l’andamenti del mercato statunitense (“US Cyber: ‘Hot Pricing Cools Off and Rapid Growth Stalls’”) ha evidenziato che la crescita dei premi diretti è rimasta stabile nel 2023 rispetto all’anno precedente. Ciò che ha fatto seguito a un periodo di rapida espansione, durante il quale i premi nel segmento cyber statunitense sono più che triplicati dal 2019 al 2022.

Secondo il rapporto, la gravità dei sinistri è diminuita, il che più che compensa l’aumento della frequenza. Di conseguenza i risultati su base annuale sono rimasti stabili.

“Le buone pratiche informatiche e la consapevolezza dell’importanza dell’igiene informatica – ha spiegato Fred Eslami, direttore associato di AM Best – si sono rivelate vantaggiose sia per gli assicurati che per gli assicuratori. Queste pratiche hanno portato a un costante calo del loss ratio del segmento, nonostante un forte aumento di attacchi ransomware nel 2023, che hanno comportato un aumento del 50% delle richieste di risarcimento. Ci aspettiamo che la copertura informatica continui a crescere nel tempo, poiché la crescente consapevolezza dei rischi informatici contribuisce ad un aumento delle esposizioni e, di conseguenza, ad un aumento della domanda di assicurazioni informatiche”.

Gli assicuratori informatici fanno ancora molto affidamento sulla riassicurazione, con oltre il 50% dei premi informatici ceduti ai riassicuratori. Questa dipendenza dalla riassicurazione lascia gli assicuratori informatici in un certo senso alla mercé dei loro riassicuratori. Con gli assicuratori informatici già concentrati sulle esposizioni aggregate al rischio sistemico, qualsiasi ritiro da parte dei riassicuratori volto a limitare la propria capacità di copertura informatica si riverserebbe sicuramente a valle verso gli assicuratori primari limitando il loro appetito all’assicurazione informatica.

Il report infine sottolinea le sfide poste da attacchi informatici sempre più sofisticati che sfruttano l’intelligenza artificiale (AI), insieme a minacce come ransomware e compromissione della posta elettronica aziendale, che potrebbero avere un impatto sull’andamento del ramo.

Leggi anche Am Best rivede l’outlook sulle assicurazioni non vita in Italia a stabile

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Catastrofi naturali: danni economici per 128 miliardi nel primo semestre 2024

I risarcimenti degli assicuratori stimati da Gallagher Re intorno ai $61 miliardi L’attenzione…
Leggi di più
EsteroNews

Egitto: diventata legge la polizza anti divorzio obbligatoria

La polizza assicurativa contro il rischio di divorzio non ha un importo specifico, poiché è…
Leggi di più
News

Life 5 sperimenta la settimana corta

La insurtech spagnola, da poco attiva in Italia in collaborazione con Allianz Global Life, ha…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.