In EvidenzaNews

Cresce la propensione all’utilizzo di servizi di digital health

L’85% degli italiani è propenso a utilizzare servizi di digital health, come video e teleconsulti. Questa apertura verso i modelli di cura digitali è forte anche tra i 55-65enni (84%) e gli over 65 (77%). L’uso della tecnologia migliora l’esperienza degli assistiti, rendendoli protagonisti attivi della propria salute. Il 75% degli italiani prevede di sottoporsi a visite e controlli nei prossimi mesi, con una maggiore sensibilità tra le donne (80%) rispetto agli uomini (71%). Inoltre, il 38% programma check-up specialistici per un controllo approfondito del proprio stato di salute.

Sono questi i principali risultati del Blue Assistance Monitor, l’indagine condotta dalla società di servizi di Reale Group sul rapporto degli italiani con la Salute. Si scopre che in Italia le persone sono sensibili alla prevenzione, impegnate a costruire uno stile di vita attivo e interessate a cogliere le opportunità del digitale per una gestione innovativa e personalizzata del proprio benessere psicofisico.

L’indagine, realizzata in collaborazione con un istituto di ricerca specializzato, offre uno sguardo approfondito sull’evoluzione delle necessità di assistenza sanitaria in Italia, evidenziando i nuovi trend in materia di salute, prevenzione e welfare aziendale.

I servizi salute sono, ad esempio, al primo posto tra i benefit richiesti ai datori di lavoro (82%), includendo programmi di prevenzione, check-up, consulenza psicologica e telemedicina.

Per noi di Blue Assistance l’osservazione è il primo passo verso l’innovazione”, ha dichiarato Marco Mazzucco, amministratore delegato di Blue Assistance. “Uno stile di vita sano e la prevenzione costante in tutte le fasce d’età sono sempre più importanti in un contesto di denatalità e invecchiamento generalizzato della popolazione. Si vive di più ma non sempre meglio: basti pensare che una quota significativa degli over 65 presenta una cronicità e il 50% degli italiani rinuncia alle cure per i costi elevati che queste rappresentano sul budget familiare. In questo contesto così complesso la digital health, così come l’intero mondo dei servizi di assistenza, rappresenta una risposta immediata per prossimità, immediatezza ed accessibilità anche in termini di costo”.

Leggi anche La digital health per innovare il settore assicurativo

Articoli correlati
EsteroNews

Usa: Beryl non ha avuto un impatto tale da cambiare la direzione del mercato nat cat, dice WSJ

La società di rating AM Best ha osservato in un rapporto che il recente “hard market” della…
Leggi di più
Il MegafonoIn EvidenzaNews

L’ostacolo all’innovazione assicurativa? Sono le regole

Riccardo Sabbatini Normalmente, quando ci si interroga sulla mancanza di innovazione (spesso anche…
Leggi di più
EsteroNews

GB: le polizze di Direct Line andranno sui comparatori web

Finora la compagnia ha sempre venduto i contratti del suo marchio principale soltanto sul proprio…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.