EsteroNews

Il mercato assicurativo deve prestare maggiore attenzione al rischio geopolitico, dice Broadstone

Il mercato delle assicurazioni pensionistiche deve concentrarsi maggiormente sui rischi associati alle maggiori tensioni geopolitiche in atto. È l’allarme lanciato dalla società inglese di consulenza Broadstone nel suo ultimo Insurance Risk Monitor. L’attuale decennio è senza precedenti nella memoria recente del pianeta, caratterizzato da eventi la pandemia di Covid, la guerra in Europa e un conflitto in Medio Oriente che sta degenerando in un conflitto più ampio. Allo stesso tempo, il mondo vede nazioni autocratiche formare alleanze, minacciando di spingere le democrazie di tutto il mondo al “punto di rottura”.

Broadstone ha citato l’ultimo Rapporto sulla stabilità finanziaria della Federal Reserve (aprile 2024) secondo cui le crescenti tensioni geopolitiche sono una delle principali minacce a breve termine per il sistema finanziario e che un’ulteriore escalation di questi conflitti potrebbe aumentare l’inflazione e la volatilità economica e ridurre l’attività economica. Ha aggiunto che ciò potrebbe comportare una riduzione dell’assunzione di rischio e una riduzione dei prezzi degli asset, causando perdite a imprese e investitori.

Secondo la società di consulenza gli assicuratori hanno il compito di valutare la possibilità di ulteriori rischi di aumento della tensione geopolitica che potrebbero includere l’escalation delle guerre in Ucraina e Gaza, un deterioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina, una guerra civile negli Stati Uniti , la “disordinata dissoluzione” dell’Unione Europea , l’invasione di Taiwan, una guerra tra la Corea del Nord e quella del Sud, o un grave attacco informatico e il fallimento del sistema bancario. Insomma uno scenario apocalittico. Broadstone ha notato che la probabilità di una guerra globale è ora potenzialmente all’interno della soglia di rischio di 1 su 200 per i requisiti patrimoniali degli assicuratori.

Broadstone ha affermato che gli assicuratori non possono più evitare di quantificare esplicitamente i rischi geopolitici nei loro processi di determinazione dei prezzi, modellizzazione e gestione del rischio. Le compagnie possono utilizzare tecniche attuariali per convertire le stime derivanti analisi di scenario in distribuzioni di probabilità “olistiche” ed elaborare una serie di perdite che potrebbero subire in ciascun scenario. Inoltre, gli scenari potrebbero essere combinati per fornire un valore aggregato del rischio.

“L’attuale panorama geopolitico instabile – ha sottolineato Bharat Raj, responsabile dei mercati londinesi di Broadstone – è di enorme preoccupazione globale”. Le potenziali conseguenze “rappresentano una minaccia per le economie di tutto il mondo. Sebbene le perdite dirette derivanti da questi eventi possano essere limitate, ad esempio attraverso le esclusioni, gli assicuratori non dovrebbero sottovalutare il potenziale effetto a catena sulle loro attività, che probabilmente sarà rilevante in tutte le classi di attività”.

Leggi anche Rischi emergenti: gli effetti della geopolitica sotto la lente degli assicuratori

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: rumors su interesse Generali e Sompo per Hiscox

Un articolo di Insurance Insider ha collegato l’assicuratore del sindacato dei Lloyd’s a…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: stress test 2025 per valutare resilienza mercato delle rendite di massa

I trasferimenti di rendite sono cresciuti negli ultimi anni e si prevede che nel prossimo decennio…
Leggi di più
EsteroNews

Corea del sud: corte suprema sancisce diritto all’assicurazione sanitaria per le coppie gay

Secondo i giudici il rifiuto da parte dell’ente statale di fornire una copertura assicurativa…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.