Con il lancio di TradeLiner, Coface rinnova la sua offerta di assicurazione credito per le medie imprese

Coface HiRes HPDi fronte all’evolversi dei bisogni delle imprese di medie dimensioni in materia di assicurazione del credito, Coface rimoderna la sua offerta principale, ribattezzandola TradeLiner. La nuova proposta – si legge in una nota – “è basata sull’esperienza della prima offerta globale di protezione contro il rischio di mancato pagamento introdotta nel mercato quindici anni fa e sulla volontà di lavorare duramente per aiutare a proteggere le imprese dell’economia reale”.

«Dopo il lancio, nel 2014, di EasyLiner, destinata alle piccole e medie imprese, TradeLiner è ora indirizzata alle imprese con una soluzione che incontra le loro richieste e aspettative in termini di flessibilità, una gamma di opzioni e reattività necessarie al contesto imprenditoriale attuale – spiega Patrice Luscan, Direttore Marketing & Strategia del Gruppo –. Oltre a un impegno in qualità e trasparenza nei confronti delle imprese che vendono a credito in un contesto economico ancora difficile, Coface aggiunge alla sua nuova offerta segmentata a livello mondiale un pilastro essenziale, nel quadro di una politica di innovazione in atto da tre anni».

«Le medie e grandi imprese operano in un ambiente economico sempre più complesso e articolato – in Italia come all’estero – che impone un approccio altrettanto flessibile alla gestione dei rischi commerciali. Per questa ragione, anche nel nostro Paese Coface ha introdotto TradeLiner: un prodotto che risponde alle richieste di semplicità e trasparenza da parte dei nostri clienti, con una vasta gamma di opzioni per adattare la copertura ad ogni tipo di esigenza. Con l’introduzione di TradeLiner in Italia, l’offerta di Coface al servizio delle imprese può dirsi veramente completa», ha sottolineato Ernesto De Martinis, Country Manager di Coface Italia.

Con TradeLiner – prosegue la nota – Coface a breve proporrà alle imprese di 98 Paesi servizi completi per proteggere la loro attività commerciale in caso di fallimento o ritardo di pagamento da parte dei loro acquirenti: prevenzione degli insoluti, recupero dei crediti insoluti e indennizzo, nel caso in cui il recupero abbia esito negativo o comporti più tempo del previsto.

Questa nuova offerta “è stata pensata e realizzata per facilitare alle imprese l’accesso al credito e successivamente gestirlo più vicino alle necessità commerciali”:

• La lettura e la comprensìone delle coperture credito “sono state semplificate, con particolare attenzione alla trasparenza dei servizi”;

• I premi vengono fatturati in funzione del fatturato reale e il premio minimo annuale viene aggiornato automaticamente su base annuale, “permettendo di ridurre i rischi di bilancio”;

• In caso di crediti insoluti, se l’impresa incontra problemi di liquidità, il termine dell’indennizzo può essere ridotto da cinque a quattro, a tre o anche a due mesi. Come segnala il Gruppo, si tratta di “una novità esclusiva di TradeLiner”.

TradeLiner – conclude la nota – è anche “una soluzione su misura, grazie alle opzioni proposte per coprire le differenti tipologie di rischio: politico, catastrofe naturale, fabbricazione, crediti contestati, crediti fornitori o vendite in conto deposito”. Di questa gamma di opzioni fa parte anche TopLiner, copertura complementare che può essere richiesta in caso di copertura iniziale inferiore a quella richiesta o rifiutata.

Intermedia Channel

Related posts

Top