Il Gruppo Assimoco prolunga lo smart working fino al 6 aprile e rende disponibili, via Skype, Sportello psicologico, Training autogeno e Sessioni di gruppo

La prima Compagnia assicurativa italiana ad acquisire la qualifica di società Benefit aiuta i dipendenti ad affrontare la situazione grazie a tecniche di visualizzazione e suggerimenti per lavorare in maniera proficua

Milano, 24 marzo 2020 – Assimoco, prima Compagnia assicurativa italiana ad acquisire la qualifica di società Benefit, ha dato vita a una serie di iniziative per supportare gli oltre 400 collaboratori in un momento delicato che li vede impegnati a fronteggiare l’allarme dato dalla pandemia del coronavirus e a mantenere livelli ottimali di servizio anche lavorando da casa. La Compagnia, che ha dato il via allo smart working il 24 febbraio, lo ha prolungato fino al 6 di aprile per le oltre 400 persone di Assimoco e per tutti i Centri liquidazione sinistri in Italia, e ha messo a disposizione un servizio di Sportello psicologico individuale, Sessioni di training autogeno, incontri tematici con uno psicologo e psicoterapeuta. Tra le difficoltà principali dei dipendenti c’è sicuramente quella derivante dal dover gestire l’attività lavorativa e il proprio ruolo familiare contemporaneamente. Anche la preoccupazione del contagio e l’andare incontro all’ignoto, ossia a un periodo di misure sempre più restrittive che confinano la popolazione al proprio domicilio per un lungo tempo è un altro dei disagi manifestati dai collaboratori.

Sviluppare l’adattamento al cambiamento richiede del tempo ed energia” e “se le cose non riescono immediatamente bene è naturale, così come è naturale non riuscire a svolgere in maniera ottimale contemporaneamente il ruolo professionale e quello familiare”: questi alcuni dei messaggi su cui i collaboratori possono riflettere per svolgere in maniera proficua lo smart working anche per periodi molto prolungati  e in una situazione di emergenza che vede tutta la famiglia confinata dentro le mura domestiche.

Quanto al contagio, durante gli incontri dello Sportello psicologico, le cui prime tre sedute sono totalmente a carico della Compagnia, è stato messo in evidenza come la preoccupazione induca a essere più cauti e ad adottare le misure di prevenzione correttamente, ma non deve sfociare in panico, cosa che, invece, ha risvolti negativi. Come suggerito nelle sessioni di training autogeno, inoltre, le tecniche di visualizzazione sono indicate per nutrire la mente con immagini positive, e l’auto-cura, ossia il coltivare un passatempo, letture e attività casalinghe piacevoli, può essere estremamente d’aiuto per favorire il benessere dei collaboratori.

Durante le ore di lavoro da casa, per facilitare lo scambio con i colleghi e la condivisione, sono consigliate le videochiamate, purché brevi. Tempi cadenzati anche per le riunioni che, ogni 50 minuti, devono prevederne 10 di pausa.

Assimoco, che non solo è a prima Compagnia assicurativa italiana ad acquisire la qualifica di società Benefit, ma anche la prima e ancora oggi unica, ad aver ottenuto la certificazione B Corp, ha mantenuto invariato il calendario dei corsi per i collaboratori gestendo la formazione originariamente prevista in aula fisica tramite Webinar. Tra i corsi in programma:  Il metodo di lavoro e le priorità e Diversity generazionale. 

Durante gli incontri tematici con lo psicologo, invece, sono stati forniti consigli pratici ai collaboratori che si trovano a dover gestire 24 ore su 24 ore figli piccoli o in età adolescenziale: cercare di renderli autonomi, così come mostrarsi tranquilli favorisce anche la loro serenità e, in definitiva, aiuta a mantenere un clima domestico armonioso.

Le iniziative del Gruppo Assimoco sono state apprezzate sia dai collaboratori, sia dalle rappresentanze sindacali che hanno riconosciuto un grande valore alla tempestività ed efficacia di quanto fatto dalla Compagnia a partire dal giorno stesso della scoperta dei focolai di coronavirus nel lodigiano.

Related posts

*

Top