Verdone (Ania): Il database bloccherà le truffe

Parla Vittorio Verdone (nella foto), direttore centrale auto, distribuzione e consumatori dell’Ania, che spiega cosa prevede la nuova regolamentazione entrata in vigore il 18 ottobre e che entro due anni abolirà il tagliando cartaceo per l’Rc Auto.

Vittorio Verdone IMC

I dati sulle truffe e sui veicoli che circolano privi di contrassegno sono allarmanti. Le cose cambieranno con il nuovo provvedimento che abolisce i contrassegni cartacei?

Il sistema dovrebbe annullare la falsificazione tagliandi. Non vi sarà più l’obbligo di esposizione dei certificati. Il nuovo sistema di controllo prevede infatti che entro due anni ci sarà la possibilità di incrociare il numero di targa della vettura circolante con la banca dati Ania dei veicoli assicurati aggiornata in tempo reale. Ci sono 18 mesi di tempo per completare il sistema di archivio integrato presso la motorizzazione civile. Verranno dunque effettuati controlli di massa, con tutti gli strumenti già esistenti e con altri omologati: si pensi al sistema Tutor e ad altri ausili idonei a registrare veicoli su pubblica via.

Chi farà i controlli e quali sono le sanzioni previste?

Prevalentemente la polizia locale ma anche tutte le altre forze di polizia abilitate. Si pone però un problema: se il fermo avviene subito dopo la rilevazione delle telecamere è possibile sanzionare. È ancora impossibile invece inviare la sanzione differita in quanto manca una modifica del Codice della strada. Si tratta di un dettaglio non da poco.

Ma adesso cosa accade a chi viene fermato privo di copertura? 

La sanzione applicata attualmente va da 700 euro a oltre 3mila euro. Inoltre è previsto il sequestro del veicolo. Però, e questo è un altro punto debole della nostra normativa, se chi infrange la legge si dota successivamente di una copertura Rc per un periodo di almeno sei mesi può riottenere subito il veicolo indietro.

Un po’ poco come punizione….

Sì, soprattutto se si pensa a quanto avviene nel resto d’Europa. In Francia chi circola senza polizza Rc va in prigione; in Gran Bretagna demoliscono il veicolo.

C’è chi imputa l’escalation dei tagliandi contraffatti al caro polizza. Quando avremo prezzi più in linea con l’Europa?

Quando si risolveranno i tre principali problemi del nostro mercato. I risarcimenti danni alla persona fuori controllo al di sopra media europea da 2 a 9 volte. Le frodi e la procedura d’offerta che in alcune zone si presta a speculazioni.

Autore: Federica Pezzatti – Il Sole 24 Ore (Articolo originale)

Related posts

Top