Opinione della Settimana

Polizze finanziarie: La nuova offerta riprova a proteggere gli asset

Prodotti molto costosi e poco remunerativi. Questo è in sintesi il giudizio che consulenti indipendenti e analisti di settore danno delle polizze finanziarie (unit linked o index linked). Sono ancora fresche le ferite di coloro che, dopo anni di perdite, si sono trovati con capitali fortemente ridotti dalle disastrose performance. Se è vero che da inizio anno questi fondi hanno messo a segno in media un rendimento del 7,41% (dato inerente i fondi unit linked monitorati dal Sole 24 Ore) è anche vero che il risultato a cinque anni è negativo per il 2,71%, mentre quello dei fondi comuni secondo la media Fideuram è positivo per il 2,25 per cento.

Bisogna premettere che si tratta di performance molto eterogenee tra loro: i fondi unit sono ormai molto specializzati e come tali molto legati all’andamento del settore su cui puntano. Tra i migliori a cinque anni svettano i fondi obbligazionari specializzati sulle obbligazioni giapponesi con un +57%, ma si cala sino al tonfo del 79% realizzato dalle quotazioni del fondo Suite II di AxaMps, un’eredità della ex Quadrifoglio Vita. Come si può vedere chi è salito sul cavallo sbagliato paga conseguenze amare.

Anche i deflussi da questo comparto sono stati notevoli. Dopo il crack Lehman Brothers i risparmiatori sono scappati: dal 2009 i prodotti di ramo III hanno messo a segno una raccolta netta pesantemente negativa in tutti i trimestri, per un totale di oltre 40 miliardi.

Eppure le compagnie per rilanciare la propria raccolta saranno costrette a puntare proprio sulle unit: dal punto di vista delle società infatti queste polizze sono una manna. Il rischio, generalmente, viene scaricato infatti sui risparmiatori e quindi le compagnie hanno meno obblighi e meno oneri di natura patrimoniale. Il discorso vale in particolare in prospettiva dell’entrata in vigore della direttiva Solvency II. Senza contare che, come dimostrato da diverse analisi, la redditività per i prodotti linked (in buona parte con strutture commissionali fee-based pure) è più stabile. Mediamente il rapporto utile su riserve tecniche di unit e index è stato più alto rispetto allo stesso indicatore dei prodotti tradizionali (ramo I e V) negli ultimi 13 esercizi.

I desiderata delle compagnie si scontrano ancora, tra l’altro, con le forti e giustificate resistenze dei risparmiatori sempre più avversi al rischio. Anche per questo le compagnie stanno mettendo a punto nuovi prodotti protetti. Tra i nuovi attori BPM Vita e Crédit Agricole Vita, che si affiancano ai gruppi già operativi nel segmento: Mediolanum (cinque emissioni da inizio anno), Aviva, Creditras e Cnp Vita, e ad Axa Mps (dieci emissioni). Queste nuove offerte prevedono la protezione del premio (netto o lordo a seconda del gruppo) cui è unito un obiettivo di performance.

C’è da sperare, visti i costi di questi prodotti, che le protezioni funzionino veramente. In passato alcune soluzioni pseudo-garantite, basate sul meccanismo constant proportion portfolio insurance (Cppi) sono infatti implose, lasciando i risparmiatori a bocca asciutta.

Fonte: Plus24

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.