Opinione della Settimana

Milano: Unipol restaura la Torre Galfa (ed evita il sequestro)

Milano - Torre Galfa ImcSarà stata la paura di vedersi requisire la Torre Galfa (nella foto) e vederla trasformata in un centro sociale alto trentuno piani, come consentirebbe il regolamento edilizio in corso di approvazione per punire i proprietari immobiliari che lasciano «abbandonati» i loro stabili.

Sta di fatto che Unipol corre ai ripari e si siede al tavolo di trattativa con il Comune e annuncia la ristrutturazione e la riconversione del mini-grattacielo di via Pirelli, occupata nel maggio 2012 dal collettivo Macao e subito sgomberata su richiesta della proprietà: che allora era il gruppo Ligresti.

Da allora la situazione è radicalmente cambiata: l’impero di Ligresti è andato a catafascio, le sue due holding – Imco e Sinergia – sono fallite, lo stesso Ligresti è finito agli arresti domiciliari e le sue figlie in galera. Nello sfascio dell’impero, la Torre Galfa è riuscita a restare fuori dalle mire dei curatori fallimentari, essendo in carico non direttamente alle due holding ma alla Fondiaria Sai, ceduta poco prima del crac al gruppo Unipol. Così è il gruppo assicurativo bolognese legato alle Coop rosse che si è trovato a gestire la «rogna» della Torre Galfa, con il rischio di ritrovarsi espropriato di fatto della medesima: l’articolo 12 del regolamento edilizio in corso di approvazione prevede che i beni «che non siano manutenuti e utilizzati» per più di cinque anni (e proprio questo è il caso della Torre) possano venire restaurati dal Comune a spese dei proprietari e destinati a utilizzo pubblico.

Per scongiurare questa eventualità, Unipol si è data da fare. Ad annunciarlo non è stata la compagnia assicuratrice ma direttamente l’assessore all’Urbanistica Lucia De Cesaris con un comunicato entusiasta come se si parlasse comunque di un bene pubblico: «Avremo presto un progetto di sistemazione e recupero della torre, che potrà ritornare ad essere un elemento di qualità per la città. Ringrazio il Gruppo Unipol per la disponibilità e l’impegno». In realtà cosa Unipol voglia fare della torre ancora non si sa, visto che il progetto «verrà finalizzato e presentato nell’arco dei prossimi mesi». Ma la De Cesaris è contenta lo stesso.

Fonte: Il Giornale (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.