Opinione della Settimana

Risparmi under 18

Risparmio - Paghetta - Salvadanaio Imc

(di Carlo Giuro – Milano Finanza)

Investimenti: Fondi, polizze vita, buoni fruttiferi e piani di accumulo. Tutti gli strumenti per pensare al futuro dei figli

Un tema che si sta conquistando un ruolo sempre maggiore nella pianificazione finanziaria delle famiglie è come investire per il futuro dei propri ragazzi. Nella recente «Indagine sul risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015» pubblicata a fine luglio da Centro Einaudi e Intesa Sanpaolo emerge che i figli sono saliti al secondo posto nella hit parade dei motivi di risparmio (citati dal 23% degli intervistati) dopo l’accantonamento per cautelarsi da eventi imprevisti (48%). E soltanto il 9% delle famiglie mette da parte i soldi per comprare casa, al quarto posto dopo il risparmio per la vecchiaia (19%).

I figli, sottolinea l’Indagine (basata su interviste effettuate da Doxa con focus sulla classe media) hanno sostituito la casa come motivazione per metter da parte una fetta delle proprie entrate. Quello che risulta in maniera nitida è che i genitori della classe media presagiscono tempi oscuri per i figli che saranno in vantaggio solo riguardo alla facilità di studiare. In tutti gli altri aspetti i saldi diventano pesantemente negativi, poiché evidentemente i genitori non considerano di poter aiutare i figli quanto essi sono stati aiutati. Non si deve dimenticare, osserva la ricerca, che queste aspettative arrivano dopo sette anni di calo del pil italiano, di crescita della disoccupazione giovanile e di aumento dell’emigrazione di giovani italiani alla ricerca di lavoro. Questi timori, quindi, si traducono in comportamenti reali. Il 26% del campione (con figli) interpellato dallo studio sta mettendo da parte dei denaro per pagare gli studi ai figli (anche all’estero), e la quota sale al 31% nel Nord-Ovest e al 38% nel Nord-Est. Il 13% sta accantonando per acquistare una casa ai propri figli e il 7% sta mettendo da parte i soldi per avviare un’attività da lasciare ai figli. Infine il 22% della middle class sta accumulando comunque con la finalità di lasciare un’eredità ai figli. Ma andando al concreto delle soluzioni concrete, come muoversi e quali strumenti utilizzare? Come base di partenza vanno prima di tutto individuate le risorse da destinare alla finalità individuata, rendendole compatibili e sostenibili con il proprio budget familiare. Va poi ben definito l’orizzonte temporale di investimento e quindi si può scegliere lo strumento. Se l’obiettivo è quello di costruire un capitale da costruire nel corso del tempo in modo graduale lo strumento cui guardare è rappresentato in primo luogo dai piani di accumulo (pac) in fondi comuni.

E in momenti di volatilità quale quello attuale sottoscrivere in forma rateale un fondo appare una soluzione adatta per un accantonamento graduale e prolungato nel tempo. Il piano di accumulo, soprattutto se attivato su portafogli azionari, è portatore di un notevole valore aggiunto, consentendo di mediare i prezzi di ingresso; il metodo della diversificazione va infatti applicato non solo sulla scelta dei titoli su cui investire ma anche al momento in cui avvengono gli acquisti. Dal punto di vista strutturale un piano di accumulo in genere ha una durata che va da un minimo di cinque a un massimo di 20 anni con buone dosi di flessibilità, dal momento che in caso di necessità i versamenti possono essere temporaneamente interrotti. Vanno esaminati attentamente i livelli commissionali e i diritti fissi anche in rapporto alla rata (potrebbe essere preferibile ad esempio valutare una rata più consistente con periodicità trimestrale piuttosto che una più leggera mensile).

Possibilità innovativa è poi quella di attivare pac su etf (exchange traded fund), strumenti di diversificazione a costo contenuto e facilmente liquidabili. Ogni mese l’investitore può impiegare in questi comparti somme di denaro contenute e accumulare gradualmente il capitale.

Un’altra soluzione può essere quella delle polizze vita sia a premio periodico (versamento rateale) che a premio unico (versamento in unica soluzione) soprattutto del tipo rivalutabile (il cosiddetto ramo I legato alle gestioni separate) ovvero con minimo garantito e consolidamento annuo del risultato (il rendimento generato viene cioè acquisito a titolo definitivo per cui il capitale accantonato può solo crescere). Il mercato offre numerose soluzioni calibrate sul target giovani con ipotesi anche meritocratiche in cui si prevedono premi legati ai risultati scolastici. Possibile anche l’utilizzo di polizze vita a premio ricorrente del tipo unit linked o multiramo (combinando cioè le polizze rivalutabili del ramo I che hanno la garanzia di conservazione del capitale con le unit linked di ramo III, ovvero polizze a maggior contenuto finanziario che investono i premi in fondi o sicav interni). Nel caso in cui si abbia già a disposizione una somma le stesse soluzioni (fondi comuni, polizze vita rivalutabili, unit linked, polizze multiramo) possono essere poi sottoscritte in soluzione unica per traghettare nel tempo il capitale. Da non dimenticate poi gli evergreen dei buoni postali, partendo da quelli rivolti ai minori che possono essere intestati solo a chi ha un’età tra 0 e 16 anni e mezzo. Questi buoni restituiscono il 100% del capitale investito e gli interessi che maturano fino al compimento del 18° anno di età.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.