News

Allianz, focus sulla crescita di utili e redditività nel piano al 2018

Oliver Baete (3) Imc

Nel nuovo piano triennale 2016-2018, il colosso assicurativo tedesco ha fissato obiettivi di crescita del 5% annuo per gli utili per azione e del 13% per il ROE, l’indice di redditività del capitale proprio. Delineati anche target di benessere organizzativo, soprattutto per quanto riguarda la soddisfazione della clientela e la cultura della leadership

Il Gruppo Allianz ha presentato nella giornata di ieri, durante il Capital Markets Day, le iniziative strategiche che delineeranno le attività del prossimo triennio con l’obiettivo di accelerare la crescita degli utili e della redditività, rafforzare la resilienza e creare economie di scala nei mercati più importanti.

Attraverso il piano triennale (“Agenda di Rinnovamento”) 2016/2018, il colosso assicurativo tedesco intende inoltre fortificare le proprie fondamenta posizionandosi anche come leader digitale, investendo in modelli di business promettenti e perseguendo opportunità di consolidamento dall’alto profilo strategico.

“Il mondo che ci circonda sta cambiando rapidamente e con esso stanno cambiando anche i servizi finanziari. Allianz è ben posizionata per rivestire il ruolo di protagonista principale nella trasformazione del settore avvicinandosi ancora più ai propri clienti, migliorando le performance e investendo in digitalizzazione – ha affermato il CEO Oliver Bäte (nella foto). Allianz si regge su fondamenta solide che servono anche da piattaforma ideale per l’ulteriore crescita”.

Dal 2016 al 2018, il Gruppo punta a raggiungere una crescita media annua degli utili per azione (EPS) del 5% ed ha fissato un’obiettivo al 2018 del 13% per l’indice di redditività del capitale proprio (ROE). Per raggiungere i target indicati, il Comparto Danni cercherà di registrare un combined ratio del 94% (o migliore) ed il ROE di tutte le entità operative del segmento Vita / Salute dovrà arrivare almeno al 10%.

Nello stesso periodo di tempo, Allianz punterà anche ad un miliardo di Euro annui in guadagni ricorrenti della produttività, in particolare mediante l’implementazione dei processi digitali su scala globale. I guadagni ottenuti saranno reinvestiti in tecnologia, in risorse umane e nella crescita. Il Gruppo gestirà inoltre attivamente il proprio bilancio per migliorare l’efficienza del capitale e la resilienza complessiva.

Dallo scorso 18 novembre il Gruppo ha anche ricevuto le autorizzazioni regolamentari per utilizzare il proprio modello interno per calcolare i requisiti patrimoniali per Solvency II. Allianz può conseguentemente confermare il coefficiente di adeguatezza patrimoniale di Gruppo del 200% registrato al 30 settembre.

Allianz intende inoltre sviluppare attività che godano dei vantaggi e delle caratteristiche delle economie di scala. Queste entità offiriranno un valore aggiunto ai clienti e opereranno con maggiore efficienza, a beneficio degli azionisti. Il Gruppo fortificherà le attività più competitive ed aumenterà progressivamente il peso delle entità operative ad alte prestazioni più piccole attraverso la creazione di piattaforme su scala regionale. Le attività meno redditizie saranno rifocalizzate su produttività ed efficienza, liberando capitali che potranno essere utilizzati per alimentare la crescita di altri settori.

In cima all’Agenda di Rinnovamento Allianz si posizionano anche le persone, clienti o dipendenti che essi siano. Il Net Promoter Score (NPS) diventerà parte del processo di pianificazione di Gruppo, con un’influenza diretta sugli incentivi. Questo indicatore, che misura la disponibilità dei clienti a raccomandare il marchio ad amici e colleghi, è già ampiamente incardinato nelle strategie di Gruppo. L’obiettivo di Allianz per quanto riguarda il Net Promoter Score è che almeno il 75% delle imprese del Gruppo ottengano un punteggio migliore rispetto alla media del mercato. Con l’innalzamento dell’indicatore NPS, Allianz vede un potenziale di attrazione verso il proprio marchio stimabile in 5 milioni di nuovi clienti e 6,5 miliardi di Euro di aumento della raccolta premi.

Il gruppo assicurativo tedesco intende anche rafforzare una cultura della leadership basata sulla meritocrazia inclusiva; per questo motivo la società punta a migliorare dal 68% al 72% l’indicatore interno della meritocrazia inclusiva (che tiene sotto controllo le performance, la leadership e la correttezza).

“L’Agenda di Rinnovamento è una roadmap esaustiva che mostra nel dettaglio come Allianz rafforzerà le proprie performance ed il proprio benessere organizzativo per supportare in modo ancora migliore clienti, dipendenti e azionisti”, ha concluso Bäte.

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: QBE vince in tribunale contro Generali Spagna

La disputa legale aveva per oggetto l’incidente di un superyacht che ha causato danni per 11…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Cina: verranno eliminati i limiti di proprietà degli assicuratori stranieri nelle società di gestione patrimoniale assicurativa

La Cina – riferisce Global Times – eliminerà i limiti alla proprietà delle società di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: aumento dell’utile di Aig nel secondo trimestre 2022

Il gruppo assicurativo ha deciso di rinviare la quotazione del suo business vita a causa delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.