Opinione della Settimana

Gap previdenziale, dall’Olanda risposte concrete e specifiche

Ne parla Simona Merzagora, Managing Director di ING Asset Management BV – Milan Branch

Età pensionabile - Pensioni ImcIl sistema pensionistico in Italia è in oggettiva difficoltà. Come definirebbe il contesto attuale?

Nell’ultimo decennio, la previdenza in Italia ha subito profonde trasformazioni: oggi il sistema pensionistico nazionale non è più in grado di garantire prestazioni in linea con le ultime retribuzioni percepite e il livello di contribuzione futuro sarà ben inferiore allo stipendio medio. Se si considera poi che la rivalutazione delle pensioni è legata alla crescita economica e a fattori come l’allungamento della vita e la mobilità del lavoro a livello internazionale, diventa determinante considerare alternative per integrare l’assegno statale. Purtroppo, all’attivismo con cui lo Stato ha ridimensionato le pensioni statali non è seguito alcun incentivo fiscale e ben poco è stato fatto per sostenere e sensibilizzare i futuri pensionati. In Italia, quindi, offerta e sviluppo di soluzioni previdenziali innovative tali da realizzare l’equilibrio ottimale tra desideri di consumo e tolleranza al rischio di ciascun individuo, non hanno ancora preso piede.

Lo scenario oltralpe è radicalmente diverso.

Paesi con sistemi pensionistici ben più evoluti (come Olanda, Svizzera e Regno Unito) sono invece all’avanguardia. I prodotti più avanzati, noti come “Lifecycle“, sono soluzioni di asset-allocation complesse, in grado di assicurare un adeguato risultato pensionistico complessivo, cioè la gestione del rischio di perdita del mercato e ritorni tali da garantire la tranquillità finanziaria. Sebbene razionalmente si ritenga che l’esposizione verso asset rischiosi (generalmente associati agli investimenti azionari) dia i maggiori ritorni a fronte di un orizzonte di lungo termine, la ricerca accademica ha dimostrato che ciò è vero solo se l’orizzonte temporale dell’investitore è molto, molto lungo. Per periodi fino a 20 anni, un’ingente perdita improvvisa ha comunque un impatto duraturo. L’importante è quindi evitare grossi tracolli, mantenendo al contempo una diversificazione tra asset class, regioni, fattori di rischio e strategie di investimento. Sebbene anche questi strumenti previdenziali non possano “garantire” l’esito finale al momento del pensionamento, legato interamente all’andamento dei mercati, vi sono oggi avanzate soluzioni professionali che riescono a gestire in modo dinamico il rischio di perdite sui mercati, preservando al contempo le potenzialità di guadagno.

Quali soluzioni alternative si stanno affermando?

Negli ultimi anni abbiamo visto una decisa accelerazione e attualmente si sta affermando una nuova generazione di soluzioni le quali, partendo dalla situazione finanziaria individuale (il tenore di vita, eventuali periodi sabbatici, la quota di risparmio da accantonare, l’età pensionabile, ecc.), definiscono strategie di investimento previdenziale conformi alla gestione del rischio, ma concepite secondo le specifiche esigenze di ognuno. L’aspetto più rilevante è che queste strategie si modificano in modo dinamico, in base all’andamento dei mercati e al variare delle circostanze individuali. In tal modo il volante della pianificazione resta al risparmiatore che, però, non deve preoccuparsi della gestione degli investimenti.

È importante cambiare approccio col cliente?

Un migliore controllo sulla propria ricchezza finanziaria, consente di operare scelte consapevoli. In questo ambito vi sono ampi margini di miglioramento, vista la poca informazione dei consumatori europei sul proprio futuro finanziario. ING Investment Management è molto attiva in questo senso. Riteniamo infatti sia fondamentale cambiare questa situazione a partire dal modo in cui ideiamo i nostri prodotti e ci relazioniamo con i nostri clienti. E’ necessario passare da una cultura guidata dalla spinta al “prodotto” allo sviluppo di soluzioni chiare e dinamiche che soddisfino le reali esigenze del cliente (da “product pushing” a “customer experience“).

Fonte: Newsletter Salone del Risparmio (Articolo originale)

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.