News

Il Gruppo RSA torna in utile nel primo semestre 2014

Il gruppo assicurativo britannico presenta conti ancora fortemente appesantiti dalle vicende relative alle attività irlandesi, con un risultato operativo a 141 milioni di sterline (178 milioni di Euro) – contro i 343 milioni (433 milioni €) del primo semestre 2013 – e un utile netto appena positivo per 6 milioni di sterline. In calo anche il volume dei premi, sceso a 3,93 miliardi di sterline (4,96 miliardi di Euro). I dati rappresentano però una netta inversione di tendenza rispetto al consuntivo 2013, che aveva consegnato una perdita netta di 338 milioni di sterline (a causa della perdita 528 milioni di sterline registrata nella seconda metà dell’anno)

Ritorno all’utile per il Gruppo RSA, che presenta conti semestrali ancora fortemente influenzati dalle vicende relative alle riserve irlandesi della società (64 milioni di sterline / 80 milioni di Euro di perdita anche nella prima parte dell’anno), sfociate in tre profit warning in sei settimane e nelle dimissioni dell’ad Simon Lee tra ottobre e dicembre dello scorso anno. La compagnia ha conseguito un risultato operativo di 141 milioni di sterline (178 milioni di Euro) e un utile netto di appena 6 milioni. Entrambi i dati sono decisamente inferiori rispetto alla semestrale 2013 – nella quale non erano ancora presenti gli effetti di quanto sarebbe successo nella seconda metà dell’anno – che aveva registrato un utile operativo di 343 milioni di sterline e un utile netto di 190 milioni.

Stephen Hester (3) (Foto RSA Insurance Group) Imc

Il dato rappresenta però una netta inversione di tendenza rispetto al consuntivo 2013, nel quale la compagnia aveva dovuto dichiarare perdite nette per 338 milioni, soprattutto a causa del risultato negativo di 528 milioni di sterline registrato nel solo secondo semestre, nel quale anche l’utile operativo era stato duramente colpito, scendendo fino a 6 milioni. Sembrerebbero quindi aver avuto effetto le prime misure del nuovo ad Stephen Hester (nella foto, di RSA Insurance Group), che hanno incluso anche un programma di dismissioni delle attività in alcuni mercati attualmente non strategici.

Per quanto riguarda altri dati principali, la raccolta premi netta è risultata in flessione a 3,93 miliardi di sterline (4,96 miliardi di Euro) contro 4,65 miliardi (5,865 miliardi di Euro) del primo semestre 2013; si registra inoltre un peggioramento da 94,2% a 100,8% del combined ratio. Questo dato è però nettamente migliore rispetto a 105,3% registrato nella seconda metà del 2013.

Nel commentare i risultati della semestrale, l’ad Hester ha sottolineato come il piano d’azione intrapreso cinque mesi fa stia procedendo in modo lineare, con notevoli progressi sulle attività strategiche e sulla salute del capitale societario, rispecchiando le prospettive delineate per raggiungere gli obiettivi a medio termine. La compagnia ha inoltre comunicato l’intenzione di riprendere la distribuzione dei dividendi dopo la pubblicazione del risultato consultivo 2014.

Intermedia Channel

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Violenza politica: negli ultimi anni danni per oltre $13 miliardi a carico degli assicuratori

Preoccupato report di Allianz Commercial Per il 2024 i maggiori timori riguardano le elezioni che…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Standard contabili: con Ifrs17 aumentate le passività assicurative e diminuito il patrimonio

Ad un anno dall’avvio del nuovo principio Eiopa ne analizza l’impatto L’authority ha svolto…
Leggi di più
EsteroNews

GB: nel 2023 record di risarcimenti assicurativi per danni causati dal maltempo alle abitazioni

Le compagnie hanno speso £573 milioni, il 36% in più rispetto al 2022 I risarcimento per le…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.