News

Marsh Insurance Market Report 2016: Aziende preoccupate da cybersecurity, rischio politico e terrorismo

Spedizionieri Doganali Imc

“L’ampia capacità e una forte competizione fra gli assicuratori contribuiscono a mantenere una situazione favorevole per i buyer di assicurazioni, in particolare per quelle aziende con portafogli interessanti e una buona statistica sinistri”. È questa è la situazione fotografata dall’Insurance Market Report 2016 di Marsh per la regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) secondo cui alcune dinamiche macro come le evoluzioni economiche, politiche, normative, tecnologiche e ambientali continueranno a influenzare il mercato nell’arco del 2016.

Fra i principali aspetti del report:

  • Il Cyber risk è uno dei temi più rilevanti per i CEO della regione EMEA: per questa ragione, segnala Marsh, “si registra un significativo incremento di richieste di approfondimento sul ruolo che le coperture assicurative possono avere nella gestione di questo rischio”;
  • Alla luce dei recenti attacchi terroristici e dei crescenti flussi migratori, il terrorismo e i rischi connessi alla violenza politica sono spesso al centro delle riflessioni di molte organizzazioni;
  • I tassi relativi alla copertura D&O (la responsabilità civile per amministratori, sindaci e dirigenti di società – ndIMC) sono rimasti stabili o sono diminuiti, registrando ribassi medi del 10%, ma anche con flessioni che hanno raggiunto il 20%;
  • I premi relativi al comparto Motor sono aumentati del 10% in 11 paesi e di oltre il 10% in Turchia e Romania. Questi aumenti sono dovuti alle perdite consistenti legate alla RCA e alle nuove normative che stanno aumentando i costi di sottoscrizione;
  • I numeri delle Captive (compagnie di assicurazione o riassicurazione di proprietà di un’impresa o di un gruppo d’imprese che non sono attive di per sé nel business delle assicurazioni. Lo scopo di business primario di una captive è quello di assicurare il rischio della propria casa madre – ndIMC) hanno registrato un aumento nel 2015, “confermando la crescita significativa che ha caratterizzato gli ultimi 20 anni, nonostante il mercato assicurativo soft e gli ampi livelli di capacità”.

Focus sull’Italia

Secondo gli analisti di Marsh, anche il mercato italiano rimane soft “e non si prospettano modifiche a breve termine”. La capacità di sottoscrizione “potrebbe diminuire a causa della recente fusione di ACE e Chubb. In generale i tassi delle principali coperture sono allineati alle tendenze dell’area EMEA, fatta eccezione per il comparto Motor, dove si registra una flessione del 10%.

Intermedia Channel


Marsh – Market Perspective – Europe, Middle East and Africa Insurance Market Report 2016 (in inglese)

Articoli correlati
News

Wide Group amplia l’offerta del ramo Fine Art

Grazie alla nuova partnership su Roma con l’intermediario Massimo Maggio, i broker…
Leggi di più
News

Assimoco: approvato il bilancio di esercizio 2021

La Raccolta totale è risultata pari a 929 milioni di euro e le attività finanziarie ammontano a…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Sono arrivati gli incentivi, ora mancano le auto

In vigore le misure previste dal governo per il 2022 ma rischiano di allungarsi ancora i tempi delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.