IVASS

Stress test EIOPA 2018, mercato assicurativo europeo adeguatamente capitalizzato

stress-test-imc

La nuova rilevazione dell’Autorità europea per le assicurazioni e la previdenza ha interessato anche Generali, Intesa Sanpaolo Vita, Poste Vita e Unipol Gruppo. Le compagnie del nostro Paese presentano indicatori in linea (o mediamente superiori) a quelli continentali

Sono stati pubblicati lo scorso 14 dicembre i risultati dello Stress Test condotto dall’Autorità europea per le assicurazioni e la previdenza (EIOPA) in stretta collaborazione con le autorità nazionali di vigilanza (per l’Italia, l’IVASS).

L’esercizio ha preso a riferimento la situazione al 31 dicembre 2017 ed ha coinvolto 42 gruppi assicurativi stabiliti in dodici Paesi del Vecchio continente, in rappresentanza di circa il 75% degli attivi del mercato europeo. Per l’Italia hanno partecipato Assicurazioni Generali, Intesa Sanpaolo Vita, Poste Vita e Unipol Gruppo.

Lo Stress Test, spiegano dall’IVASS, “non è un esercizio di tipo “pass or fail”, ma ha l’obiettivo di valutare i profili di vulnerabilità e resilienza del settore assicurativo al realizzarsi di scenari avversi, al fine di alimentare le riflessioni sulle misure preventive e le azioni correttive che possono essere intraprese ex-ante per mitigare le eventuali vulnerabilità”.

L’esercizio ha considerato tre scenari:

  1. Yield curve up: si ipotizza un improvviso e significativo rialzo dei premi al rischio di tutti gli investimenti, che si accompagna a un deflusso di massa degli assicurati e a un significativo incremento dell’inflazione;
  2. Yield curve down: si ipotizza un prolungato periodo di bassi tassi di interesse combinato con un incremento delle aspettative di vita;
  3. Nat-cat: si ipotizza che si verifichino in successione otto eventi catastrofali naturali (due terremoti, quattro tempeste e due inondazioni). Gli epicentri dei due terremoti sono in Italia, mentre gli altri eventi sono localizzati nel resto d’Europa.

L’impatto degli scenari sui gruppi assicurativi è stato misurato attraverso due indicatori: la differenza tra attività e passività del bilancio Solvency II (c.d. EAoL: Excess Assets over Liabilities) e il livello dell’indice di solvibilità (c.d. SCR ratio, Solvency Capital Requirement Ratio). Per la determinazione del secondo, data la complessità dei calcoli da condursi a livello consolidato, sono state consentite limitate approssimazioni e semplificazioni, non modificative della rilevanza e della direzione dell’impatto.

I risultati indicano che il mercato assicurativo europeo è complessivamente adeguatamente capitalizzato per assorbire shock severi ma plausibili quali quelli sopra menzionati. Il risultato si conferma anche a livello domestico. In particolare:

  • l’indice di solvibilità pre-stress (c.d. “baseline scenario”) dei gruppi italiani è risultato superiore, in media, a quella del campione europeo (213% rispetto a 202%);
  • nessuno dei quattro gruppi Italiani fa registrare indici di solvibilità post-stress inferiori al 100% in nessuno dei tre scenari sopra menzionati;
  • dopo lo stress dello scenario “Yield curve up”, l’indice di solvibilità dei gruppi italiani rimane positivo ma inferiore, in media, a quello del campione europeo (122% rispetto a 145%);
  • dopo lo stress dello scenario “Yield curve down” l’indice di solvibilità dei gruppi italiani è superiore, in media, a quello del campione europeo (157% rispetto a 137%);
  • dopo lo stress dello scenario “Nat Cat” l’indice di solvibilità dei gruppi italiani rimane sostanzialmente invariato.

Analoghi andamenti, evidenziano ancora dall’IVASS, si registrano per le variazioni dell’EAoL, in tutti e tre gli scenari considerati.

Ulteriori informazioni e dati sull’esercizio Europeo sono disponibili sul sito istituzionale EIOPA.

Intermedia Channel

Articoli correlati
In EvidenzaIVASSNews

Ivass lancia una “call for papers” sulla riforma del sistema bonus/malus

I lavori dovranno essere inviati entro il mese di settembre all’indirizzo email…
Leggi di più
IVASSNews

Ivass segnala 14 siti internet irregolari

La distribuzione di polizze assicurative tramite i seguenti siti è irregolare. Le polizze ricevute…
Leggi di più
In EvidenzaIVASSNews

Rc Auto in aumento anche per le polizze con black box

Secondo un’analisi Ivass, il possesso della scatola nera consente un risparmio iniziale ma…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.