News

Incidenti stradali: più vittime tra ciclisti e motociclisti, meno tra i pedoni

6 agosto 2020 – Nel 2019 – secondo i dati diffusi dall’Istat – sono stati 1.411 i conducenti e passeggeri di autovetture deceduti (-0,8% rispetto al 2018); seguono motociclisti (698; +1,6%), pedoni (534; -12,7%), ciclisti (253; +15,5%), occupanti di autocarri e motrici (137; -27,5%), ciclomotoristi (88; -18,5%) e di altre modalità di trasporto (52; -45,8%) (che includono autobus,macchine agricole, motocarri e quadricicli).

Il marcato aumento delle vittime tra i ciclisti, soprattutto su strade statali nell’abitato e fuori città, è associato anche alla crescita degli incidenti stradali che coinvolgono biciclette (+3,3% nel complesso) e all’aumento delle vendite di biciclette e e-bike, il 7% in più, nel 2019 rispetto all’anno precedente. Inoltre, va segnalato che circa il 25% degli spostamenti giornalieri totali nel 2019 è stato su bicicletta (Fonte: Isfort), sono quasi 2 milioni gli italianiche la usano come mezzo di trasporto quotidiano e, anche i cicloturisti, sia italiani sia stranieri sono una componente in forte espansione (i pernottamenti di cicloturisti pesano il 6,1% del totale nel 2019 (Fonte: Isnart-Unioncamere e Legambiente). Un forte impulso all’uso della bicicletta, infine, è stato dato anche dalla Legge n. 2 dell’11 gennaio 2018 su “Disposizioni per lo sviluppo della mobilità in bicicletta e la realizzazione della retenazionale di percorribilità ciclistica”.

La distribuzione per genere delle vittime mostra uno svantaggio nettamente maschile, ad eccezione dei pedoni,  per i quali la distribuzione delle vittime fa registrare frequenze elevate anche per le donne. Nel complesso, gli utenti più vulnerabili rappresentano il 49,6% dei morti sulle strade; aumentano, nel 2019, in particolare le vittimesu bicicletta e motociclo mentre diminuisce il numero di pedoni.

Gli indici di mortalità e lesività per categoria di utente della strada evidenziano i rischi più elevati per gli utenti vulnerabili rispetto a quelli di altre modalità di trasporto. L’indice di mortalità per i pedoni, pari a 2,7 ogni 100 incidenti per investimento di pedone, è circa quattro volte superiore a quello degli occupanti di autovetture (0,7); il valore dell’indice riferito ai motociclisti è 2,5 volte superiore (1,6 morti ogni 100 incidenti), per i ciclisti è, invece, più che doppio (1,5).

Con riferimento agli anni di benchmark per la sicurezza stradale 2001 e 2010, le categorie maggiormente penalizzate sono quelle dei ciclisti (-30,9% dal 2001, -4,5% dal 2010), dei pedoni (-48,3% dal 2001, -14% dal 2010) e dei motociclisti (-17,7% dal 2001, -26,5% dal 2010). Le classi di utenti che presentano i maggiori guadagni in termini di riduzione della mortalità negli ultimi 18 anni sono quelle di ciclomotoristi e automobilisti. I traguardi raggiunti si devono a una molteplicità di fattori, tra i quali la sensibilizzazione a un corretto utilizzo del casco e dei dispositivi di sicurezza e i notevoli progressi della tecnologia per la costruzione di dispositivi di sicurezza dei veicoli.


Fonte: “Assinews.it”

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: Biden propone riforma per assicurazione pubblica sulle inondazioni

La NFIP attualmente copre 5 milioni di americani ma ha accumulato un debito non più sostenibile di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: i big del capitalismo aiuteranno le donne ad abortire in polemica con la corte suprema

Le prese di posizione di molte grandi corporation dopo la dedizione del maggiore organo…
Leggi di più
Il MegafonoIn EvidenzaNews

Rc auto: meno reclami se le polizze le vendono gli agenti

Riccardo Sabbatini Se i reclami rappresentano una proxy sulla qualità del servizio assicurativo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.