In EvidenzaNews

In leggera flessione i risultati di HDI Assicurazioni nel primo semestre

La raccolta premi del lavoro diretto si attesta a 755,1 milioni di euro (-15,8% rispetto agli 896,5 milioni dell’esercizio precedente). Mentre il Vita scende a 532,9 milioni di euro (-22,5%), i rami Danni crescono del 6,1% a 222,2 milioni di euro, con un aumento del 4,3% nei rami Auto e del 10,2% negli altri rami Danni

Il cda di HDI Assicurazioni ha approvato la relazione semestrale al 30 giugno 2022, che evidenzia una leggera flessione dei risultati della compagnia, ma conferma una buona solidità patrimoniale.

Nei primi sei mesi dell’anno, il risultato netto di HDI Assicurazioni è stato di 24,9 milioni di euro, con un decremento di 7,9 milioni rispetto ai 32,8 registrati nel primo semestre 2021.

La compagnia informa che per la redazione della semestrale è stato applicato il Regolamento Ivass n. 52 del 30/08/2022 che introduce la facoltà di derogare dai normali criteri di valutazione dei titoli obbligazionari iscritti nel portafoglio non durevole.

I rami Danni fanno segnare un risultato positivo pari a 22,8 milioni di euro, in flessione rispetto ai 29,3 milioni del primo semestre 2021, mentre il risultato nel Vita si attesta a 2,1 milioni di euro, in contrazione rispetto ai 3,5 milioni dello stesso periodo dell’esercizio precedente.

Il risultato ante imposte scende a 32,8 milioni di euro, rispetto ai 47,1 milioni del primo semestre 2021, di cui 31,9 milioni di euro attribuibili ai rami Danni (-9,9 milioni rispetto al 2021) e 0,9 milioni di euro ai rami Vita (-4,4 milioni rispetto al 2021).

Il patrimonio netto ammonta a 650,2 milioni di euro, in diminuzione di 12,2 milioni a confronto del 31Dicembre 2021.

La raccolta premi del lavoro diretto si attesta a 755,1 milioni di euro, in diminuzione del -15,8% rispetto agli 896,5 milioni dell’esercizio precedente. I rami Vita, con 532,9 milioni di euro, registrano una diminuzione del -22,5%.

I rami Danni, con 222,2 milioni di euro crescono del +6,1%, con un aumento del +4,3% nei rami Auto e del +10,2% negli altri rami danni.

Gli investimenti ammontano a 7.909 milioni di euro, in diminuzione di 345 milioni rispetto al 31 Dicembre 2021.

Il combined ratio è pari a 92,0%, in aumento di 14,6 punti percentuali rispetto al 77,4% del 2021. In peggioramento di 15,3 punti percentuali il loss ratio a a 62,0%, mentre il cost ratio risulta in lieve miglioramento, attestandosi al 30,0%, contro il 30,7% del 2021.

Cresce infine il Solvency Ratio al 276,2% rispetto al 245,4% al 31 Dicembre 2021.

I dati di questa semestrale ci confermano l’andamento positivo della nostra compagnia. Una solidità reale, confermata dai numeri, nonostante il perdurare di uno scenario globale complesso e delicato in cui siamo tutti coinvolti, con particolare riferimento allo scenario inflattivo e alle note vicende internazionali”, ha osservato l’amministratore delegato di HDI, Roberto Mosca. “Perché se è vero che sono molte le incertezze derivanti dagli effetti dei trend globali in corso, pure, siamo convinti della necessità di impegnarci al massimo per fare bene e proiettarci verso una chiusura dell’anno che sia positiva per la nostra compagnia”.

Foto in copertina: Roberto Mosca, Amministratore Delegare HDI

Leggi anche Per HDI assicurazioni il 2021 è stato l’anno migliore della sua storia

Articoli correlati
News

Inail e Polizia di Stato firmano protocollo d’intesa per la prevenzione degli incidenti stradali

L’obiettivo è la promozione della cultura della guida sicura, attraverso iniziative comunicative…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Sono in forte aumento i furti di macchine operatrici da cantiere

I mezzi, una volta rubati, vengono per lo più smontati, per alimentare il mercato nero dei pezzi di…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Welfare Italia indica le 6 priorità di azione per il welfare italiano

A preoccupare maggiormente è la dinamica demografica negativa del Paese: nel 2021, per la prima…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.