Opinione della Settimana

Pensioni, una busta di salvezza

GNP2014 HiResAlla Giornata della previdenza il check-up sul proprio futuro

Un potenziamento della famosa «Busta arancione», che contiene una stima del futuro vitalizio e indica la data prevista in cui si potrà smettere di lavorare. E alcune proposte di riforma, incentrate proprio sull’età di pensionamento.

Sono le novità che caratterizzeranno la prossima edizione della Giornata nazionale della previdenza e del lavoro, la più importante manifestazione dedicata all’occupazione e al welfare. L’evento, di cui il Corriere della Sera e CorrierEconomia sono media partner, si terrà a Milano dal 14 al 16 maggio nei locali di Borsa Italiana e nell’adiacente piazza Affari. «Dopo l’invio a un campione di 100 mila lavoratori, il progetto della Busta arancione si è arenato con l’ex ministro Elsa Fornero — sostiene Alberto Brambilla, coordinatore tecnico scientifico di Itinerari previdenziali, che organizza l’evento —. Per questo, in assenza di una campagna istituzionale, vogliamo colmare il vuoto informativo in materia».

Brambilla è stato sottosegretario al Welfare con delega alla previdenza sociale con l’ex ministro Roberto Maroni: è il principale autore della riforma per il trasferimento del Tfr a fondi pensione e ha presieduto al Nucleo di valutazione della spesa previdenziale, che ha coordinato anche l’operazione «Busta arancione».

«Ai partecipanti alla Giornata nazionale della previdenza e del lavoro sarà consegnata gratuitamente una pen drive — spiega Brambilla —. Su questo supporto, allo stand dell’Inps potranno farsi caricare il proprio estratto contributivo e, all’apposito padiglione, una proiezione sulla futura pensione e la prevista età di pensionamento».

Con la riforma Monti Fornero la vita lavorativa si è allungata in misura notevole. «L’adeguamento dell’età di pensionamento alle aspettative di vita serve a mantenere il sistema in equilibrio — sottolinea Brambilla —. Ma non esiste un altro Paese al mondo in cui chi ha cominciato molto presto debba staccare dopo 42 o 43 anni di lavoro. Bisogna ripristinare la possibilità di uscita anticipata dopo 41 anni di attività e prevedere una qualche flessibilità in uscita, eventualmente con qualche penalizzazione: queste tematiche saranno al centro della manifestazione». Ritorneranno gli speed date, mini convegni da mezz’ora, organizzati in collaborazione con i patronati, dove i partecipanti potranno porre agli esperti domande su temi specifici come totalizzazione dei contributi, gestione separata, gestione di colf e badanti.

Accanto alla previdenza, l’altra area è rappresentata dal lavoro: in collaborazione con la Provincia di Milano, la Città dei mestieri e il portale trovolavoro di corriere.it sarà realizzato un vero e proprio Job matchpoint, cioè un punto d’incontro fra domanda e offerta.

Numerose aziende di vari settori merceologi metteranno a disposizione circa duecento posizioni lavorative con contratti a tempo determinato o indeterminato.

Fra i curriculum trasmessi al portale trovolavoro.it, ne saranno selezionati milleduecento: durante i tre giorni della manifestazione i candidati saranno chiamati a sostenere i colloqui, che saranno gestiti dalle stesse aziende che ricercano personale e si terranno nella tensostruttura appositamente allestita in piazza Affari. Il programma completo della manifestazione è disponibile sul sito www.giornatanazionaledellaprevidenza.it.

Autore: Roberto E. Bagnoli – CorrierEconomia

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.