News

Ricerca Direct Line: Educazione stradale fin dall’infanzia? Gli italiani dicono sì

Educazione stradale Imc

Secondo l’ultima indagine del Centro Studi e Documentazione di Direct Line gli italiani sono favorevoli all’educazione stradale insegnata ai bambini. Sì anche ai giochi sull’educazione stradale

“Negli ultimi anni si è finalmente capito quanto sia fondamentale conoscere le regole della strada non solo quando si è al volante di un mezzo, ma anche andando in bicicletta o semplicemente a piedi. Affinché le nuove generazioni siano più responsabili alla guida, è importante che l’educazione stradale inizi sin dall’infanzia”. Questo in sintesi il pensiero degli italiani intervistati per conto di Direct Line nell’ultima ricerca* del Centro Studi e Documentazione della compagnia di assicurazioni auto online che ha chiesto quando sia il momento giusto per iniziare a costruire una coscienza civica dell’automobilista e quali strumenti usare.

Per la stragrande maggioranza degli italiani sondati (73%) l’educazione stradale deve essere insegnata durante l’infanzia, per sviluppare il prima possibile una coscienza civica di rispetto delle regole della strada. Il 21% degli italiani intervistati rinforza il concetto, affermando che debba essere insegnata quanto prima anche solo per poter consentire ai bambini di andare in bicicletta in sicurezza.

Vi è poi una minoranza, composta da un 4% (sempre favorevoli) che si sofferma sull’importanza di svolgere il programma in poche ore partendo da argomenti semplici adatti ai bambini, e un 3% che ritiene utile e fondamentale la presenza di personale esperto durante i corsi.

Imparare le regole del codice della Strada giocando, e usare quindi i giochi per veicolare conoscenze e favorire l’educazione stradale, raccoglie i consensi quasi unanimi degli intervistati:

  • il 71% afferma che, se concepiti bene, i giochi studiati per insegnare l’educazione stradale sono decisamente utili;
  • il 16% pensa che l’utilizzo del gioco sia un bel modo di trattare un argomento altrimenti pesante;
  • il 12%, rammaricandosi che ai propri tempi non esistevano, si dichiara felice che siano stati inventati.

Solo l’1% degli intervistati ritiene che il gioco debba essere solo svago e che non debba essere necessariamente educativo.

Come sottolineano i curatori della ricerca, passaggio essenziale e necessario per un’efficace educazione stradale è la scelta dell’insegnante che (in base ai risultati) vede scindersi il campione in due: vi è infatti il 41% degli intervistati che preferirebbe un insegnante specializzato, e un altro 40% per cui la scelta ideale dovrebbe ricadere su un vigile o un poliziotto della Stradale. Il 14% preferirebbe in aula un operatore specializzato al posto dell’insegnante, il 3% un ex pilota di auto o moto e il 2% un semplice appassionato.

“Sin dall’infanzia è necessario educare i nostri ragazzi alla cultura della sicurezza stradale, perché è proprio da piccolo che il futuro cittadino apprende meglio – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct Line –. Direct Line crede infatti che la valorizzazione dell’educazione stradale nella sua potenzialità educativa e formativa sia fondamentale per favorire la guida responsabile. Promuovere l’educazione stradale giocando renderà questo più semplice e immediato agli automobilisti di domani. Le nuove generazioni in questo modo saranno più attente durante la guida e meno esposte al pericolo di incidenti”.

Intermedia Channel


*Fonte della ricerca: L’indagine è stata condotta a febbraio 2015 e ha coinvolto 1.000 individui di età compresa tra i 18 e i 64 anni su popolazioni. È stata condotta con metodologia CAWI (computer-assisted web interviewing), attraverso il panel proprietario di Duepuntozero Doxa

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: Biden propone riforma per assicurazione pubblica sulle inondazioni

La NFIP attualmente copre 5 milioni di americani ma ha accumulato un debito non più sostenibile di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: i big del capitalismo aiuteranno le donne ad abortire in polemica con la corte suprema

Le prese di posizione di molte grandi corporation dopo la dedizione del maggiore organo…
Leggi di più
Il MegafonoIn EvidenzaNews

Rc auto: meno reclami se le polizze le vendono gli agenti

Riccardo Sabbatini Se i reclami rappresentano una proxy sulla qualità del servizio assicurativo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.