Opinione della Settimana

Parma: Agente di assicurazioni intasca i soldi delle polizze, condannata

Parma - Piazza Garibaldi (Foto Comune di Parma) Imc

(di Maria Chiara Perri – la Repubblica Parma)

Appropriazione indebita per 300mila euro da parte di una professionista parmigiana che non versava quanto dovuto alle compagnie assicurative. A processo anche per una truffa ai clienti

Chiedeva ai clienti di versare i premi delle polizze su un conto corrente a lei riconducibile, poi non trasferiva quanto dovuto alle compagnie assicurative per le quali lavorava come intermediaria. Con questo trucco un’agente assicurativa, I.F., parmigiana 49enne, si sarebbe intascata una somma che sfiora i 300mila euro.

Il raggiro, messo in atto in epoca precedente al settembre del 2012, è sfociato in un’inchiesta penale in seguito a una segnalazione di una compagnia di assicurazione che dispose un’ispezione nell’ufficio parmigiano.

All’appello mancavano 126mila euro spettanti alla Società Duomo Unione Assicurazioni Spa e 173mila della Società Cattolica di Assicurazione. Secondo le accuse, l’agente si sarebbe appropriata dei premi assicurativi che riscuoteva dai clienti, consegnando loro la relativa e apparentemente regolare polizza. I soldi, versati su un conto di una società della professionista, non venivano trasferiti alle citate compagnie assicurative che si sono costituite parte civile nel processo di primo grado nei confronti dell’agente her il reato di appropriazione indebita aggravata dall’abuso di prestazione d’ufficio.

Oggi la sentenza del giudice Luca Agostini, su richiesta del pm Massimiliano Sicilia: la 49enne è stata condannata a un anno e sei mesi di reclusione e a una multa di 600 euro. Dovrà pagare alle due compagnia 50mila euro ciascuna come provvisionale immediatamente esecutiva. Il complessivo risarcimento dei danni sarà stabilito in un separato giudizio civile.

Giovedì prossimo è fissata un’udienza per un altro processo che vede la stessa intermediaria imputata per il reato di truffa ai danni dei clienti che si rivolgevano a lei per investire i risparmi in polizze del “ramo vita”. In questo caso gli importi sottratti, secondo le accuse, ammonterebbero a circa 800mila euro.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.