Opinione della Settimana

Consiglieri M5S contro Assicurazioni di Roma: A rischio polizze dei mezzi Ama e Atac

Roma - Palazzo Senatorio Campidoglio (2) Imc

(di Andrea Arzilli – Corriere della Sera Roma)

L’accusa dei consiglieri: «Adir pronta a cedere all’esterno con una gara d’appalto europea uno stock patrimoniale da 300 milioni di euro, con il rischio è che questi fondi possano essere investiti nella finanza speculativa»

È scontro tra maggioranza Cinque Stelle e Assicurazioni di Roma, e presto potrebbe esserci il passaggio in Assemblea per decifrare il piano di «finanza creativa» deciso da Adir. Perché la questione non è banale: Adir sarebbe pronta a cedere all’esterno, con una gara d’appalto europea, uno stock patrimoniale di circa 300 milioni di euro. E il rischio è che questi fondi possano essere investiti nella finanza speculativa (e «spericolata», dicono i consiglieri M5S), mettendo a rischio risorse che servono a pagare gli indennizzi di soggetti o veicoli assicurati con la compagnia (dai mezzi di Atac e Ama ai dirigenti comunali).

La denuncia arriva direttamente dai consiglieri Cinque Stelle. «Ho effettuato una valutazione del bilancio 2014 di Adir e mi sono resa conto che nello stato patrimoniale c’erano 300 milioni di euro investiti, il 60% in titoli di stato e 40% in altri titoli. Nulla da eccepire — spiega la consigliera Monica Montella fino a quando, durante l’ultima seduta della commissione Trasparenza, sono riuscita a farmi dire dal presidente di Adir che si sta preparando una gara d’appalto europea per gestire questo capitale, con costi aggiuntivi che si aggirano sui 300mila euro l’anno». Due questioni: ci sono l’esternalizzazione della gestione e i costi aggiuntivi, ma soprattutto un fattore rischio tutto da valutare.

«Chi ci dà la garanzia che questo pacchetto sia tutelato da una finanza speculativa? — si chiede Montella —. Sono soldi dei romani, per garantire gli indennizzi agli assicurati e così non ne avresti più il controllo. Sarebbe forse più opportuno prevedere che questi fondi vengano utilizzati per un investimento nell’economia reale, nel territorio, o affidati per esempio a una banca etica. Mentre se escono fuori dal nostro Paese possono essere gestiti in maniera speculativa». Ma, se così, con qualche rischio per le casse (provate) del sistema comunale, e proprio in un momento di «spending review» globale.

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.