EsteroIn EvidenzaNews

Le assicurazioni francesi hanno creato 10.000 posti di lavoro in dieci anni

L’intelligenza artificiale e l’automazione non hanno ancora sconvolto il mercato del lavoro assicurativo in Francia. La professione – scrive Les Echos – ha ancora un crescente bisogno di materia grigia, come dimostrano i dati pubblicati da Observatoire de l’évolution des metiér de l’assurance, associazione della federazione France Assureurs. Il numero dei dipendenti che lavorano nel settore è aumentato dell’1,6% lo scorso anno in Francia, raggiungendo 157.100 persone. Si tratta di 2.400 dipendenti in più. In dieci anni l’organico della professione è aumentato di 10.000 dipendenti, secondo i dati dell’Osservatorio.

Il 2023 è stato un anno eccellente in termini di occupazione, confermando la forte tendenza che caratterizza il settore assicurativo da diversi anni, stimano gli autori dello studio, che raccolgono i dati del 96% dei membri di France Assureurs. Aggiungendo i player affiliati alla mutualità o al Centro tecnico degli istituti di previdenza (CTIP), intermediari e agenti generali, il settore conta più di 250.000 professionisti in Francia. Una cifra da poter confrontare con i 350.000 dipendenti nel settore bancario, dove la forza lavoro si è contratta negli ultimi anni.

La professione continua ad assumere, soprattutto apprendisti, per compensare l’elevato turnover.

Questo ha raggiunto lo scorso anno un livello record. Per compensare le partenze, in particolare quelle legate ai baby boomer, le compagnie di assicurazione hanno effettuato per la prima volta più di 20.000 assunzioni, il 7,5% in più rispetto al 2022. Per aumentare la forza lavoro, i datori di lavoro ricorrono sempre più all’alternanza. L’anno scorso, 7.100 studenti con questo status sono stati assunti dagli assicuratori, ovvero 400 in più rispetto al 2022. Questi contratti sono più economici di un contratto a tempo indeterminato a tempo pieno, permettono inoltre di attrarre i giovani verso un settore remunerativo ma poco amato. Nel settore assicurativo, due terzi della forza lavoro sono concentrati nelle attività core (offerta di prodotti, distribuzione e compensazione), e la restante metà nelle funzioni di supporto (IT, risorse umane, servizi legali, ecc.). Se in Francia il settore è in espansione, in Italia i dipendenti del comparto assicurativo sono passati dalle 47.712 unità del 2012 alle 46.663 del 2023. Un numero che non include gli occupati nella distribuzione assicurativa (agenti, broker, subagenti e loro dipendenti) ma che comunque indica una situazione stagnante.

Leggi anche Francia: HSBC medita di cedere le sue attività vita per oltre 500 milioni

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: rumors su interesse Generali e Sompo per Hiscox

Un articolo di Insurance Insider ha collegato l’assicuratore del sindacato dei Lloyd’s a…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: stress test 2025 per valutare resilienza mercato delle rendite di massa

I trasferimenti di rendite sono cresciuti negli ultimi anni e si prevede che nel prossimo decennio…
Leggi di più
EsteroNews

Corea del sud: corte suprema sancisce diritto all’assicurazione sanitaria per le coppie gay

Secondo i giudici il rifiuto da parte dell’ente statale di fornire una copertura assicurativa…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.