Opinione della Settimana

Parte il tiro incrociato sul «pacchetto» Rc auto

Si avvicina il termine per presentare gli emendamenti

Tutti contro tutti. Assicurazioni, carrozzieri, medici e periti affilano le armi sul pacchetto Rc auto del decreto Destinazione Italia (Dl 145/2013, articolo 8), in vista della conversione in legge. Il termine per presentare gli emendamenti si avvicina (dovrebbe essere fissato per la prossima settimana) e le organizzazioni di categoria scendono in campo: dopo la mobilitazione dell'”ala dura” dei carrozzieri e dei medici sabato scorso a Bologna, ieri l’Ania ha annunciato le sue richieste motivandole con uno studio commissionato alla Boston Consulting, mentre stamattina ci sarà una manifestazione di Cna, Confartigianato e Casartigiani che si preannuncia “calda“. Anche i periti preparano proposte di emendamenti e c’è da aspettarsi che in Parlamento altri ritocchi arrivino dagli avvocati.

Rc Auto - Tariffe (4) ImcInsomma, si prepara un tiro incrociato, che era prevedibile dati gli interessi in conflitto. Molto meno prevedibile è l’esito finale.

Ieri l’Ania ha aggiunto alle sue richieste già note (abolizione degli sconti obbligatori previsti dal Dl) quella di cambiare il risarcimento in forma specifica, portato dalle sue controparti come un «regalo» che il Governo avrebbe fatto proprio alle compagnie. Invece le assicurazioni contestano il fatto che l’articolo 8 del Dl stabilisca che, se una compagnia decide di prevederlo tra le proprie clausole contrattuali, siano tenute a offrirlo su tutto il territorio nazionale e con uno sconto predeterminato: «Costringe a impiegare risorse anche in aree dove non serve, togliendole a zone (soprattutto la Campania, ndr) dove invece andrebbe rafforzato», ha detto Aldo Minucci, presidente dell’Ania, che vorrebbe anche togliere quest’obbligo nel caso della riparazione di veicoli pesanti.

A parte questo, le compagnie difendono il risarcimento in forma specifica: il fatto che con esso la riparazione sia affidata a carrozzerie convenzionate garantirebbe risparmi nei costi, la regolare emissione delle fatture e non darebbe i temuti problemi di qualità della riparazione perché gli operatori vengono selezionati e il Dl li obbliga a fornire una garanzia al consumatore (pleonastica, perché già prevista dal Codice del consumo, ndr).

La Cna ammette implicitamente il problema delle fatture (ha preparato un emendamento che prevede l’obbligo di emissione per il rimborso del danno), ma attacca l’Ania sulla qualità: «Difficile garantirla – dice il presidente, Daniele Vaccarino, perché le carrozzerie convenzionate sono quelle costrette ad accettare i lavori a tariffe troppo basse».

Sulla qualità scendono in campo anche i periti, che cercheranno di far presentare emendamenti in cui si renderebbero obbligatorie varie certificazioni da parte loro. Quanto agli avvocati, probabilmente si concentreranno sul valore probatorio della scatola nera (per il Dl fa «piena prova», col rischio – che invece l’Ania non ritiene ci sia – di contrastare col principio del libero convincimento del giudice) e sulla limitazione delle possibilità di ricorso nel caso la compagnia blocchi il risarcimento.

In ogni caso, secondo le stime della Boston Consulting, i contenuti del Dl avranno un effetto limitato sui costi dei sinistri, che sono all’origine del caro-tariffe: si stima che l’impatto maggiore (60-65 euro, l’11-12% del premio medio) sia legato al taglio dei risarcimenti per morte e lesioni gravi, atteso da sette anni e che l’Ania chiede insistentemente.

Autore: Maurizio Caprino – Il Sole 24 Ore

Articoli correlati
ANAPA Rete ImpresAgenziaAssociazioni di CategoriaIn EvidenzaOpinione della Settimana

«Nessuno si salva da solo»

Nel corso di «Davos 2021», la kermesse annuale del World Economic Forum tenutasi lo scorso…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Il «dritto»...

Ormai quotidianamente l’IVASS oscura e sanziona siti on-line di Intermediari…
Leggi di più
ANAPA Rete ImpresAgenziaIn EvidenzaNewsOpinione della Settimana

Opportunità e sfide del mercato assicurativo italiano

I grandi cambiamenti che stanno interessando l’Italia e il mondo intero, come ben sappiamo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.