News

Previdenza complementare, a settembre 2018 gli iscritti superano quota 8,6 milioni (+3,7%)

Salvadanaio - Risparmio - Previdenza Imc

Secondo quanto riporta la nota di commento all’aggiornamento COVIP dei principali dati statistici della previdenza, a fine settembre 2018 il numero complessivo di posizioni in essere nelle forme pensionistiche complementari è di 8,609 milioni; al netto delle uscite, la crescita dall’inizio dell’anno è stata di 310.000 unità (+3,7%). A queste posizioni, che includono anche quelle relative a coloro che aderiscono contemporaneamente a più forme, corrisponde un totale degli iscritti che la commissione stima in 7,9 milioni di individui.

Nei fondi negoziali si sono registrate 155.000 iscrizioni in più (+5,5%), portando il totale a fine settembre a 2,96 milioni. L’apporto maggiore alla crescita delle posizioni (circa 130.000) si è registrato nei fondi pensione con attivi meccanismi di adesione contrattuale; alle iniziative già esistenti, si è aggiunto – a  partire da gennaio 2018 – anche il fondo rivolto ai lavoratori del settore dell’igiene ambientale (Previambiente).

Nelle forme pensionistiche di mercato offerte dagli intermediari finanziari, i fondi aperti totalizzano 1,431 milioni di posizioni, crescendo di 56.000 unità (+4,1%) rispetto a dicembre del 2017. Nei PIP “nuovi”, il totale degli iscritti è di 3,21 milioni, 106.000 unità in più (+3,4%).

Le risorse in gestione

A fine settembre 2018 le risorse complessivamente destinate alle prestazioni dalle forme pensionistiche complementari ammontano a 167,2 miliardi di Euro (dato che non tiene conto delle variazioni nel periodo dei fondi pensione preesistenti e dei PIP “vecchi”).

Il patrimonio dei fondi negoziali, pari a 51,2 miliardi, risulta in crescita del 3,5%. Le risorse accumulate presso i fondi aperti corrispondono a 20 miliardi, mentre i PIP “nuovi” totalizzano 30 miliardi; rispetto alla fine dell’anno precedente, l’aumento è stato, rispettivamente, del 4,2% e dell’8,7%.

I rendimenti

Nei primi nove mesi del 2018 i rendimenti delle obbligazioni governative sono risaliti in misura significativa negli Stati Uniti e minore in Europa, spiegano dalla Commissione, riflettendo il diverso orientamento delle politiche monetarie; per i titoli italiani, i premi per il rischio sovrano si sono allargati in modo consistente a partire dalla seconda metà dell’anno. Per i listini azionari, l’andamento è stato contrastato: positivo negli Stati Uniti e negativo nella maggior parte dei mercati europei; la volatilità è aumentata.

Le tendenze osservate si sono riflesse sui risultati delle forme pensionistiche complementari, penalizzati dalle perdite in conto capitale scaturite dal rialzo dei rendimenti obbligazionari. Nei nove mesi del 2018 i rendimenti aggregati, al netto dei costi di gestione e della fiscalità, sono stati in media marginalmente negativi per tutte le tipologie di forma pensionistica: -0,1% e -0,2%, rispettivamente, per i fondi negoziali e i fondi aperti; -0,1% per i PIP “nuovi” di ramo III.

I recenti andamenti dei mercati finanziari incidono tuttavia in misura limitata su un periodo di osservazione più ampio. Rispetto a quanto registrato nel decennio trascorso da fine 2007, l’andamento fino a settembre 2018 ha inciso infatti solo per 0,2 punti percentuali sui rendimenti medi annui composti di tutte le forme complementari, che si mantengono largamente positivi. Nel periodo da fine 2007 a fine settembre 2018, i rendimenti sono risultati pari al 3,1% nei fondi negoziali, al 2,8% per i fondi aperti, al 2% per i PIP di ramo III. Nello stesso periodo, la rivalutazione media annua composta del TFR è stata pari al 2,1%.

Intermedia Channel


COVIP – La previdenza complementare: Principali dati statistici a settembre 2018

Articoli correlati
News

Inflazione e le condizioni del mercato del lavoro faranno aumentare le retribuzioni in Italia del 3,4% nel 2023

Il 77% delle aziende ha dichiarato di avere problemi a ricoprire i ruoli IT e il 73% a mantenere il…
Leggi di più
In EvidenzaNews

E-bike modificata? Serve una targa e l’assicurazione come per le moto

Sanzioni pesanti che vanno dai 1.890 euro a 7.500 euro per i trasgressori Novità in arrivo per…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Generali risponde a Consob: corretta la cooptazione di Marsaglia in cda

Generali ha risposto alla richiesta di chiarimenti di Consob sulla cooptazione in consiglio di…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.